free html5 templates

La nostra storia

Il Centro per la Salute del Bambino (CSB) è nato nel 1999 a Trieste ad opera di un gruppo di operatori attivi nel campo dei servizi per l’infanzia.

La sua missione è migliorare la condizione dell’infanzia, in particolare nelle sue componenti più vulnerabili, secondo una visione ecologica e multisettoriale.

Il CSB si è proposto di favorire il dialogo tra operatori, discipline e servizi diversi e di ideare e sostenere interventi di supporto alle famiglie e alla funzione genitoriale.

A questo fine ha promosso e promuove programmi su scala nazionale e internazionale, svolge attività di ricerca, formazione e supporto alla progettazione, organizza occasioni di dibattito e confronto, produce e diffonde materiali di informazione e documentazione.

PROGETTI CONCLUSI

ITALIA

Leggimi 0-6
(2016-2018)

Il “Programma 0-6” ha elaborato un Piano d’azione per la realizzazione del quale la Conferenza delle Regioni ha approvato in data 30 novembre 2016 la candidatura delle seguenti regioni: Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Puglia, Sicilia, Umbria e Veneto. Nel progetto Leggimi 0-6 il CSB ha curato la realizzazione di opuscoli informativi destinati a genitori e operatori e la progettazione e organizzazione corsi di formazione. I corsi, multidisciplinari e per volontari, sono finalizzati a creare e rafforzare reti locali per la promozione della lettura nella fascia di età 0-6 anni.

Dalle scuole alla famiglia
(2014-2015)

Il Progetto è nato dalla necessità di creare una rete collaborativa tra operatori e genitori affinché la buona pratica della lettura dalla scuola varchi la soglia delle mura domestiche ed entri “in famiglia” per favorire un ottimale sviluppo complessivo delle bambine e dei bambini. Il Progetto regionale si è rivolto a insegnanti e genitori ma sono stati coinvolti anche bibliotecari e lettori volontari Nati per Leggere. Il Progetto si è proposto di arricchire e sostenere le competenze degli insegnanti affinché sensibilizzino i genitori sul valore della pratica della lettura e la attuino in ambito familiare.

EliNet
(2014-2016)

Il CSB ha rappresentato l’Italia all’interno di ELiNet, progetto finanziato dall‘Unione Europea a cui collaborano 28 Paesi e che prevede la creazione di una rete europea di organismi per la promozione della literacy fra i bambini, i giovani e gli adulti in Europa. Compito della rete è stato quello di consentire confronti e scambi tra i paesi e di diffondere buone prassi in termini di politiche locali, nazionali ed europee. Il programma Nati per Leggere ad esempio è stato inserito tra le buone pratiche europee.

Usale non farti usare
(2012)

Promosso nel 2012 dall’Ufficio del Tutore dei Minori della Regione Friuli Venezia Giulia e finalizzato a un responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali da parte dei bambini, il progetto si è proposto di fornire maggiori conoscenze fra genitori, insegnanti e ragazzi sui rischi connessi all’utilizzo di strumentazione elettronica, ma anche sulle buone pratiche che possono consentire di utilizzare le opportunità offerte dalle nuove tecnologie minimizzandone i rischi.

ReMus
(2013-2014)

Il progetto di ricerca Rhythm and Music to Rehabilitate Reading Disorders (ritmo e musica per riabilitare i disturbi di lettura), condotto in collaborazione con IRCCS Burlo Garofolo di Trieste, Fondazione Mariani e Università di Marsiglia, ha dimostrato l’efficacia di specifici percorsi riabilitativi proposti ai bambini con dislessia, tramite attività artistiche (musica o pittura) e unitamente a un percorso di potenziamento delle attività di lettura.

Progetto In Vitro
(2012 – 2014)

Il Ministero dei Beni Culturali, tramite il Centro per il Libro e la Lettura, ha condotto il progetto “In Vitro”, il cui obiettivo è stato l'elaborazione di adeguate politiche nazionali e strategie d'intervento per la diffusione del libro e della lettura quali strumenti di crescita sociale del Paese. Nati per Leggere e il CSB sono stati coinvolti per progettare e attuare percorsi di formazione ad hoc per gli operatori dei servizio sanitari, socio-educativi e culturali dedicati ai bambini tra 0 e 6 anni. Il CSB ha erogato 18 corsi di formazione base e per facilitatori NpL tra il 2013 e il 2014.

Progetto di supporto alla genitorialità per mamme immigrate tramite peer counsellor: diffusione di interventi di prevenzione e sostegno nella fase pre e post natale
(2007-2008)

Il progetto si è proposto di promuovere la genitorialità nelle famiglie di immigrati e famiglie a rischio residenti nella provincia di Trieste attraverso la promozione di una serie di interventi atti a promuovere la salute del bambino, il suo sviluppo psico-sociale e la relazione tra genitori e bambino.

Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile 6+1
(2000-2001)

Il progetto (finanziato dal Ministero della Salute – bandi di ricerca finalizzata) si è proposto di sviluppare contenuti e metodi di una campagna finalizzata a sostenere sette buone pratiche in epoca pre e post natale (astensione dal fumo di sigaretta e dell’alcol pre e post-natale, vaccinazioni, posizione prona per il sonno del bambino, allattamento al seno, sistemi di protezione per il trasporto del bambino in auto, aumento della lettura ad alta voce al bambino dai sei mesi di vita.

Conoscere per prevenire
(2013-2015)

Il progetto è stato realizzato in collaborazione con la Regione Umbria ed è stato finalizzato alla formazione degli operatori della rete pediatrica per la diffusione di buone pratiche per la salute e lo sviluppo del bambino. Il Centro si è occupato della formazione degli operatori sanitari, della preparazione dei materiali di formazione per gli operatori e dei materiali informativi per i genitori.

Genitori quasi perfetti
(2002-2004)

Il progetto, in collaborazione con il Tutore dei Minori e finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia si è proposto di costituire un’esperienza pilota per il sostegno della genitorialità alla popolazione di neogenitori residenti in sette comuni della Regione Friuli Venezia Giulia. L’intervento è consistito nella promozione di incontri e contatti tra neogenitori, finalizzata alla circolazione di informazioni utili sulle risorse che ciascuna comunità è in grado di offrire per il supporto e la cura nell’ultima fase della gravidanza e nel primo anno di vita, al rinforzo delle competenze dei genitori e della coesione sociale.

Assistenza domiciliare al puerperio
(2001-2002)

Il progetto in collaborazione con la Regione Calabria ha previsto:
1) una fase di ricerca con valutazione di attività, personale e bisogni dei consultori familiari (CF);
2) una fase di formazione con corsi di 18 ore per gli operatori dei CF e dei punti nascita;
3) una fase di analisi dei risultati ottenuti.

ESTERO

Innovations in maternal, neonatal and infant care
(2015-2018)

Il progetto è stato finanziato dal Centro Nacional de Pesquisa brasiliano. Ha avuto due componenti. La prima ha valutato i risultati di un intervento di miglioramento delle cure materne e neonatali nelle maternità dello stato del Pernambuco. La seconda ha valutato i risultati di un intervento formativo e di una guida pratica per agenti comunitari di salute nelle comunità svantaggiate della città di Recife. Il progetto è stato coordinato dal CSB in collaborazione con l’IMIP di Recife e la facoltà di Ciencias de Saude di Recife.

Children’s Living Centres
(2011-2014)

Progetto riguardante il settore dell’infanzia vulnerabile (bambini orfani e abbandonati) in Camerun. Le attività sono state finalizzate a mettere in grado gli operatori dei centri di accoglienza di acquisire una formazione su tematiche quali salute e nutrizione, benessere psicosociale e management di un organizzazione no-profit. Il progetto è stato condotto dal CSB in collaborazione con ONG sia italiane (Donne Africa) che camerunensi (The Regional delegation of Social welfare South West Region e HOTPEC Orphanage Buea), grazie al finanziamento della Regione Friuli Venezia Giulia e di donatori privati.

Attività di dibattito e confronto

"Con i Genitori"

Il convegno "Con i genitori" si tiene ogni due anni a partire dal 2015 a Roma ed è dedicato a tutti gli attori coinvolti nel sostegno alla genitorialità: clinici, ricercatori, operatori, amministratori pubblici, politici e genitori.
Il convegno ha l'obiettivo di far condividere le esperienze e le conoscenze sull’efficacia delle azioni di promozione delle competenze genitoriali e di promuovere programmi regionali e nazionali di sostegno basati sulle evidenze scientifiche superando la frammentazione degli interventi.
Il CSB è tra gli organizzatori del convegno insieme al Centro di Formazione Brazelton dell’Ospedale Meyer, all’Associazione Culturale Pediatri, all’Associazione Natinsieme e all’Istituto di Specializzazione in Psicologia del Sé e Psicoanalisi Relazionale.

Nati per la Musica “La musica per lo sviluppo del bambino”
(Perugia, 2 febbraio 2014 e Modena 14 marzo 2014)

Entrambi i convegni hanno fornito conoscenze sul ruolo della musica come facilitatore dell’interazione tra genitori e bambino e come strumento per potenziare lo sviluppo del bambino, offrendo esempi delle buone pratiche esistenti sul territorio.

“15 anni di Nati per Leggere”
(Roma, 18 ottobre 2014)

Per festeggiare i suoi 15 anni Nati per Leggere ha organizzato un convegno, un’occasione per fare tesoro di tutte le esperienze nazionali e internazionali vissute in 15 anni e per porre le basi affinché il Programma possa diffondersi in maniera ancora più capillare su tutto il territorio italiano. Ospiti d'onore sono state Perri Klass, pediatra e presidente di Reach Out and Read, programma americano a cui NpL si ispira e Viv Bird direttrice di Bookstart, programma del Regno Unito. L'evento ha avuto il supporto dell'area educazione e cultura della Commissione Europea e del progetto EliNet e il patrocinio del CEPELL.

"Home visiting: uno strumento di promozione della salute e di contrasto precoce delle diseguaglianze"
(Verona, 27 settembre 2014)

Il CSB ha promosso assieme al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria di Verona un convegno sulle visite domiciliari (home visiting). L’obiettivo è stato quello di presentare e discutere il documento sulle visite domiciliari prodotto dall’Ufficio europeo dell’Unicef dopo una vasta consultazione, e di esaminare le esperienze italiane, possibilmente rilanciando questo tipo di intervento.

“Investiamo nei primi 1000 giorni di vita”
( Forlì 28 settembre 2013)

Il convegno si è proposto, attraverso contributi di esperti di economia, di politiche sociali e di sviluppo del bambino di diffondere la consapevolezza dell’importanza degli interventi precoci (ECD Early Childhood Development) a supporto dello sviluppo cognitivo, emotivo e relazionale del bambino. 

Nati per Leggere: la promozione della lettura tra pediatra di famiglia e istituzioni
(Napoli, 1 dicembre 2001)

I convegno sul progetto Nati per Leggere con la presentazione del progetto USA Reach out and Read e i seguenti contenuti: le modalità attuative in Italia, l’emergent literacy, ruolo del pediatra, ruolo delle biblioteche, la collaborazione con altre istituzioni.

Salute del bambino e politiche sociali nella realtà urbana
(Napoli, 17 marzo 2000)

Il seminario si è proposto l’approfondimento delle tematiche relative alla condizione del bambino nella realtà urbana, la valutazione delle politiche sociali attuate a livello locale, e in prospettiva un contributo a un “piano regolatore sociale” per la città e ad eventuali progetti pilota in alcune aree.

Colloquio su famiglie e riabilitazione
(Verona, 27 novembre 1999)

Confronto fra operatori di diverse discipline e famiglie sul tema delle strategie di riabilitazione e sulla partecipazione precoce e attiva dei genitori alle stesse.

Seminario su politiche sociali e salute del bambino
(Firenze, 18 settembre 1999)

Riflessione, basata su dati italiani e di altri paesi europei, sull’importanza ai fini della condizione di salute del bambino delle politiche sociali per la famiglia e per l’infanzia.

CONDIVIDI LA PAGINA!

Indirizzo

CSB Onlus
Via Nicolò de Rin 19
34143 Trieste - ITALIA

CF/P.IVA 00965900327

Contatti


Email: info@csbonlus.it
Tel: +39 040 3220447 
Fax: +39 040 306839